I 7 vizi capitali dello Smart Working: a lezione per evitare gli errori comuni

Indice dei contenuti

Nel recente webinar “I 7 Vizi Capitali dello Smart Working“, gli esperti Andrea Solimene e Luca Brusamolino, insieme a Valentina Marini come moderatrice, hanno condotto una discussione approfondita e provocatoria sui comuni errori e le sfide che le organizzazioni affrontano nell’adozione dello smart working. 

La sfida iniziale: definire lo Smart Working

Per comprendere a pieno il mondo dello smart working, i relatori hanno iniziato con una discussione su cosa esso sia veramente. La maggior parte delle persone, infatti, pensa di saperlo, ma spesso ciò che viene chiamato “smart working” è in realtà un’interpretazione superficiale del concetto. 

  • Lo smart working non è semplicemente “lavorare da casa” in pigiama perché l’ufficio svolge ancora un ruolo fondamentale nell’ecosistema lavorativo.
  • Non si limita alla flessibilità ma coinvolge una rivoluzione nell’organizzazione del lavoro, sia all’interno dell’ufficio che a distanza.
  • Non è solo una questione di tecnologia ma è una sinergia tra pratiche, strumenti, comportamenti, spazi e tecnologie.

In altre parole, lo smart working è una potente leva per il cambiamento, un rinnovamento del nostro modo di lavorare e collaborare, un’evoluzione organizzativa che fa dialogare persone, processi, spazi e tecnologie.

Ma quali sono i 7 vizi capitali dello Smart Working?

Nel corso del webinar, i relatori hanno messo in luce i sette “peccati capitali” dello smart working, ognuno dei quali rappresenta un ostacolo o un errore comune nell’adozione di questa filosofia. Vediamo quali sono e come ci hanno consigliato di affrontarli:

1. Superbia: l’idea di sapere già tutto può portare all’isolamento. Gli esperti ci consigliano di rimanere aperti all’apprendimento, cercare ispirazione e coinvolgere le persone in un percorso condiviso.

2. Avarizia: Ridurre i budget per l’implementazione dello smart working è un errore costoso. Assegnare risorse adeguate in termini di tempo e denaro, coinvolgendo esperti, è essenziale.

3. Lussuria: La lussuria in questo contesto si traduce in egoismo e interesse personale. Il dibattito dei relatori ci invita a promuovere una visione collettiva e a evitare l’individualismo.

4. Invidia: Invidiare le soluzioni altrui può essere controproducente, per questo è meglio prendere spunto da ciò che funziona altrove piuttosto che invidiare.

5. Gola: In questo contesto, la “gola” riguarda la salute dei dipendenti. Gli esperti mettono in luce l’importanza di preoccuparsi della salute fisica e mentale dei lavoratori e di fornire il supporto necessario.

6. Ira: La resistenza al cambiamento può creare problemi, per questo i relatori ci consigliano di gestire il cambiamento, comunicare chiaramente le aspettative e utilizzare il monitoraggio per migliorare l’adattamento.

7. Accidia: La mancanza d’azione o il fare il minimo possono ostacolare l’adozione dello smart working. Gli esperti ci incoraggiano a esplorare il problema a fondo, anziché accontentarsi di soluzioni superficiali.

Impariamo dai nostri errori

Alla fine del webinar scopriamo di essere tutti peccatori, chi più chi meno. La principale lezione che portiamo a casa è quella di provare ad avere approccio olistico allo smart working come chiave per una transizione efficace, insieme al corretto supporto finanziario e alla costante attenzione al benessere dei dipendenti. Imparare dai “vizi capitali” può aiutarci a evitare gli errori comuni e ad adottare una strategia più intelligente per indirizzare il cambiamento.

Se desideri esplorare ulteriormente questi temi guarda la registrazione completa del webinar!

Categorie
Scarica le nostre guide gratuite
Desk Sharing
Desk sharing significa letteralmente condivisione
della scrivania
.
Si tratta di un’organizzazione delle postazioni dell’ufficio non più basata sull’assegnazione delle singole scrivanie, bensì sulla loro condivisione.
Clean Desk Policy
Si tratta di una direttiva promossa dall’azienda che regola il modo in cui le persone devono lasciare la postazione di lavoro una volta concluse le attività e come devono gestire i documenti, i file e, in generale, i dati sensibili.